Urbino in Musica 2015. Da gennaio a maggio grandi concerti in città

PROGRAMMA

 

4 GENNAIO

MARIO MARIANI

A SILENT CHRISTMAS

15 GENNAIO

EUGENIO FINARDI

PAROLE & MUSICA

11 FEBBRAIO

FORM – ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA

TUTTO BEETHOVEN

16 APRILE

ORCHESTRA SINFONICA G. ROSSINI

LE QUATTRO STAGIONI

VIVALDI

29 APRILE

TRIO DMITRIJ E SOLISTI DELLA CAPPELLA MUSICALE DI URBINO

TRIO OP. 100 – QUINTETTO LA TROTA

SCHUBERT

14 MAGGIO

RAIZ & FAUSTO MESOLELLA

DAGO RED TOUR

con la partecipazione straordinaria di MARCO D’AMORE

28 MAGGIO

I FIATI DELL’ORCHESTRA SINFONICA G. ROSSINI

FIATI ALL’OPERA

direttore MICHELE MANGANI

7 GIUGNO

ORCHESTRA DEL LICEO AKG DI BENSHEIM

in collaborazione con LINGUA IDEALE DI URBINO

 

 

DATA DA DEFINIRE

MOGOL E VITTORIO SGARBI

INCONTRO TRA PAROLE E MUSICA

COMUNICATO STAMPA

Il Teatro Sanzio si appresta a ospitare da gennaio e fino a giugno Urbino in Musica, prima e attesa stagione musicale – promossa dal Comune di Urbino, dalla Cappella Musicale S.S. Sacramento e dall’AMAT con il contributo di Regione Marche e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – che arricchisce l’articolata e ricca proposta culturale della città con nove appuntamenti per adulti e bambini che offrono una esperienza a 360° nell’universo musicale.

Un concerto per pianoforte e immagini di Mario Mariani per tutta la famiglia, A Silent Christmas, celebra il 4 gennaio la festa del Natale con quattro film muti . Tra i titoli proposti A trap for Santa, una bellissima storia su Babbo Natale del 1925 girata in Alaska e una versione “condensata” di Canto di Natale di Charles Dickens cui segue un finale pirotecnico a “pallate di neve” (Awinter straw ride).

Eugenio Finardi arriva al Sanzio il 15 gennaio con Parole & Musica, uno spettacolo concepito appositamente per location più intime e raccolte dove instaurare un vero e proprio dialogo con gli spettatori. Le sonorità proposte sono acustiche con, al fianco di Finardi, i fidati Giovanni Maggiore alle chitarre e Paolo Gambino al pianoforte ai quali si aggiunge la giovanissima nipote di Eugenio, Federica Finardi al violoncello che esordisce nella musica d’autore dopo aver girato l’Europa con l’Orchestra Giovanile Italiana. Il violoncello ha dato modo a Finardi e ai suoi musicisti di sviluppare arrangiamenti che valorizzano ancora di più la sua raffinata visione musicale. Il light design di Alessandro Gallo contribuisce a rendere ancora più suggestiva l’atmosfera sul palco.

Al grande compositore tedesco è dedicata la serata dell’11 febbraio dal titolo Tutto Beethoven proposta dalla FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana. Un’occasione imperdibile con una delle tredici Istituzioni Concertistiche Orchestrali italiane formata per la maggior parte da valenti musicisti marchigiani, fra cui molti giovani, per immergersi nelle splendide creazioni musicali dell’artista che con il suo lavoro ha aderito ai grandi ideali di libertà e giustizia emersi dalla Rivoluzione francese.

De Le quattro stagioni, la composizione più celebre del prete rosso, Antonio Vivaldi, l’Orchestra Sinfonica G. Rossini mette in luce nel concerto proposto il 16 aprile la sezione degli archi, in formazione cameristica, capitanati da quattro diversi solisti tutti prime parti dell’orchestra. L’invito è quello ad ascoltare ed avvicinare questo celeberrimo capolavoro in un modo diverso, con l’introduzione e il commento, con la solita verve ed ironia, di Noris Borgogelli.

Il concerto in programma il 29 aprile è incentrato sulla musica da camera di Schubert e coinvolge il Trio Dimitrij che esegue il trio in MI bemolle maggiore op. 100 con Henry Domenico Durante al violino, Alessandro De Felice al violoncello e Michele Sampaolesi al pianoforte. Nella seconda parte vengono affiancati dai solisti della Cappella Musicale di Urbino per l’esecuzione del quintetto di Schubert La Trota, curioso titolo che derivò dal tema dell’omonimo Lied su cui Schubert costruì delle variazioni nel penultimo movimento.

Il 14 maggio un appuntamento di grande popolarità con Dago red tour, un album, uscito pochi mesi fa, oggi un concerto, che vede insieme il cantautore Raiz e il chitarrista e produttore Fausto Mesolella per rileggere i classici della canzone napoletana, aprendoli alla contaminazione con l’estero, tra The Who, Gogol Bordello e Leonard Cohen. Ad accompagnarli in questo viaggio Marco D’Amore, reduce dai successi internazionali di Gomorra – La Serie e del film Perez, con il compito di amalgamare le note di Raiz e Mesolella alla grande tradizione teatrale napoletana.

Il 28 maggio i fiati dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, accompagnano gli spettatori in un affascinante viaggio nel mondo dell’opera. Fra arie, sinfonie, concertati, fantasie e temporali, sapientemente arrangiati e diretti da Michele Mangani, si percorrono le più belle pagine tratte dai capolavori di Mozart, Rossini, Verdi e Puccini, in una nuova e divertente veste sonora che non farà certo sentire la mancanza della voce umana.

I giovani esecutori del Liceo di antica tradizione AKG di Benshein situato lungo una strada di montagna vicino a Francoforte sono i protagonisti dell’appuntamento del 7 giugno dedicato a tutta la famiglia. A rendere possibile questa esclusiva ospitalità la preziosa collaborazione con il Centro Universitario urbinate di Lingua e Cultura Italiana per stranieri “Lingua Ideale”. Il liceo si è esibito in prestigiose sale da concerto in giro per l’Europa e vanta anche del contributo dei professori del teatro dell’Opera di Darmstadt che affiancano gli insegnanti nella preparazione degli studenti.

Completa la ricca proposta – data da definire – Mogol e Sgarbi. Incontro tra parole e musica. Ricordato per il lungo e fortunato sodalizio artistico con Lucio Battisti, sebbene il suo contributo alla musica leggera italiana sia stato di respiro più largo, a partire dai primissimi anni Sessanta, come testimoniano i contributi per Caterina Caselli, Dik Dik, Equipe 84, Fausto Leali, The Rokes, Bobby Solo e Little Tony, Mogol ripercorre in parole e musica un suo autoritratto in un dialogo a due voci con la complicità, le suggestioni e le riflessioni di Vittorio Sgarbi, tra i più preparati critici della storia dell’arte, personaggio istrionico dalle indiscusse qualità dialettiche e artistiche che ha il potere di catalizzare l’attenzione e l’ammirazione del grande pubblico al quale il critico ha la capacità di rivolgersi in modo diretto, semplice, ironico ed efficace.

Carnet 7 Note minimo 3 biglietti per concerti diversi a costo ridotto. Biglietti posto unico 10 euro ridotto 8 euro, A Silent Christmas e Orchestra del Liceo Akg di Bensheim posto unico 8 euro ridotto 5 euro. Per informazioni AMAT 071 2072439, Servizio Cultura e Turismo 0722 309602 / 309222, Cappella Musicale S. S. Sacramento 0722 4120, Teatro Sanzio 0722 2281. Inizio concerti ore 21, A Silent Christmas e Orchestra del Liceo Akg di Bensheim ore 17.

CARNET 7 NOTE

minimo 3 biglietti per concerti diversi

a costo ridotto

BIGLIETTI

posto unico 10 euro | ridotto 8 euro

A Silent Christmas e Orchestra del Liceo Akg di Bensheim

posto unico 8 euro | ridotto 5 euro

ridotto per giovani fino a 24 anni, studenti, iscritti scuole musica e convenzionati vari

BIGLIETTERIA DEL TEATRO SANZIO

[corso Matteotti, Urbino]

T 0722 2281

il giorno precedente la rappresentazione dalle ore 11 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 18

il giorno di spettacolo dalle 16 fino ad inizio rappresentazione

la domenica di spettacolo dalle ore 15.30

 

Per A Silent Christmas olo la domenica di spettacolo dalle ore 15.30

 

INIZIO CONCERTI

ore 21

A Silent Christmas e Orchestra del Liceo Akg di Bensheim ore 17

 

INFORMAZIONI

AMAT 071 2072439

TEATRO SANZIO 0722 2281

CAPPELLA MUSICALE SS SACRAMENTO DI URBINO 0722 4120

SERVIZIO CULTURA E TURISMO 0722 309602 / 309222

amatmarche.net

urbinoculturaturismo.it

cappellamusicale-urbino.it

Annunci

URBINO, TEATRO SANZIO VENERDÌ 31 OTTOBRE MAX GIUSTI INAUGURA LA STAGIONE IN ABBONAMENTO

Venerdì 31 ottobre si apre il sipario sulla stagione di prosa in abbonamento del Teatro Sanzio promossa dal Comune di Urbino in collaborazione con l’AMAT.

Ad inaugurare il cartellone è l’umorismo contagioso di Max Giusti in scena con 2015 Personaggi, uno spettacolo comico dove l’attore, accompagnato dalla storica SuperMax Band e dalla splendida voce di Sarah Jane, fa parlare senza filtri i suoi personaggi che lo hanno accompagnato per tutto questo tempo.

Alla soglia dei trenta anni di carriera, nell’anno 2015, Giusti fa parlare senza filtri i suoi personaggi che lo hanno accompagnato per tutto questo tempo. I primi che Max interpreta sono proprio suo padre e sua madre, genitori all’antica alle prese con un figlio svogliato e perennemente immaturo. A questi seguono Claudio Lotito, Al Bano e Cristiano Malgioglio, che lo hanno reso noto nel programma tv Quelli che il calcio e le sue ultime creazioni, il prete detective Terence Hill/Don Matteo e il cantante “sensibile”, Patrizio Cantamore. A fare da collante a tutti questi interventi ci sono i monologhi di Max che affrontano in maniera divertente le difficoltà della vita quotidiana come il primo amore, la nascita dei figli, il rapporto con le donne ai giorni di oggi o altri più vintage sul rapporto coi genitori di un tempo.

Max Giusti con il brio che lo caratterizza dà nello spettacolo il meglio di se stesso, utilizzando le armi che più di ogni altre hanno contribuito a renderlo noto al grande pubblico. 2015 Personaggi è uno spettacolo all’insegna dell’attualità che non disdegna uno sguardo verso la situazione politica dell’Italia di oggi utilizzando, sempre ed esclusivamente, il linguaggio comico dell’istrionico (questa volta è proprio il caso di dirlo) Max Giusti.

Per informazioni e biglietti (da 10 a 20 euro): Teatro Sanzio 0722 2281, AMAT 071 2072439.

Inizio spettacolo ore 21.

URBINO, PRESENTATA LA STAGIONE DEL TEATRO SANZIO. Primo spettacolo 31 ottobre 2014

Una nuova, ricca e curiosa stagione di spettacolo dal vivo attende il pubblico al Teatro Sanzio su iniziativa del Comune di Urbino in collaborazione con l’AMAT.
Ad inaugurare il cartellone – che presenta sette appuntamenti per la sezione dedicata alla prosa (in abbonamento), quattro extra, tre per la città in scena e appuntamenti domenicali di teatro per famiglie – è il 31 ottobre Max Giusti con 2015 Personaggi, uno spettacolo comico dove l’attore, accompagnato dalla storica SuperMax Band e dalla splendida voce di Sarah Jane, fa parlare senza filtri i suoi personaggi che lo hanno accompagnato per tutto questo tempo.
Dopo il grande successo ottenuto nella passata stagione torna in Italia il più energico e travolgente tra i classici del musical, Sette spose per sette fratelli nell’allestimento di Massimo Romeo Piparo in scena il 27 novembre con Flavio Montrucchio e Roberta Lanfranchi. Dal film al palcoscenico, si ritrovano le divertenti avventure dei fratelli Pontepee e delle loro innamorate, con canzoni eseguite dal vivo e spettacolari coreografie acrobatiche: un perfetto evento teatrale che coinvolge ed entusiasma spettatori di tutte le età.
Un regista stimatissimo della scena cinematografica e due attrici di grande talento: Giorgio Diritti con Monica Guerritore e Carolina Crescentini danno vita il 6 febbraio a Qualcosa rimane, commedia inedita in Italia dell’acclamato drammaturgo Donald Margulies, vincitore del Premio Pulitzer nel 2000. Lo spettacolo – che debutta a Urbino in prima nazionale al termine di una residenza di allestimento – offre un confronto serrato in cui l’amicizia e la rivalità viene affrontato con rigore e franchezza.
Il 19 febbraio la scena è per la coppia Alessandro Haber – Alessio Boni in una commovente, dolce ed esilarante pièce di Éric-Emmanuel Schmitt, Il visitatore diretta dalla sapiente regia di Valerio Binasco, tradotta e rappresentata in quindici lingue e in oltre venticinque paesi.
Dopo Oscura immensità una nuova pièce teatrale di Massimo Carlotto, Il mondo non mi deve nulla il 3 marzo al Teatro Sanzio. Una coinvolgente riflessione sul senso della vita, sul peso del caso e della nemesi, sulla libertà di scelta delle nostre coscienze è condotta in scena con grande maestria interpretativa da Pamela Villoresi e Claudio Casadio diretti dalla regia di Francesco Zecca.
Spazio alla danza, spettacolare e comunicativa dei Kataklò, il 24 marzo con Puzzle. Fortemente voluto da Giulia Staccioli che ne firma la regia e la supervisione artistica, lo spettacolo è una composizione corale e poliedrica, realizzata attraverso l’accostamento di coreografie storiche che hanno fatto grande la compagnia e ideazioni dei danzatori stessi.
Un cast capeggiato da, due mattatori – Gianluca Guidi, che firma anche la regia, e Giampiero Ingrassia – danno vita il 21 aprile in Taxi a due piazze di Ray Cooney a una serie di equivoci, coincidenze, bugie e mistificazioni della verità che, con ritmo infernale, offrono allo spettatore una travolgente serata piena di risate.
Un’originale rivisitazione della tragedia euripidea Le troiane – con suggestioni da Ovidio, Seneca e Sartre – è in scena il 16 ottobre al termine di una residenza di riallestimento come primo appuntamento della sezione extra. Lo spettacolo vive con l’interpretazione di una compagnia tutta al femminile, Gianna Giachetti, Manuela Mandracchia, Sandra Toffolatti e Mariangeles Torres, pluripremiate attrici e registe di se stesse che hanno collaborato con importanti personalità del mondo del teatro e del cinema.
Capodanno a teatro con Romeo e Giulietta, il balletto più rappresentato in tutto il mondo, danzato dal Ballet of Moscow nel solco della tradizione russa più classica. L’ensemble istituito nell’aprile 1998 dal coreografo Valery Anuchin è formato da artisti professionisti, impegnati continuamente in tournée in tutto il mondo. Gli sfarzosi ed eleganti costumi, come la scena incantata, contribuiscono a creare uno spettacolo di grande impatto.
Platinette, nome d’arte di Mauro Coruzzi (all’anagrafe Maurizio Coruzzi) – conduttore radiofonico, televisivo e attore italiano en travesti – è protagonista il 6 gennaio di una serata dal sapore esclusivo con Mauro Coruzzi vs Platinette, un’occasione in cui con la complicità di Vittorio Sgarbi, che firma la regia, le due indentità di Coruzzi si incontrano e scontrano per finire, come sarebbe possibile diversamente (?), con un abbraccio.
Una serata d’onore con Francesca Benedetti, grande signora del teatro italiano originaria di Urbino, attende il pubblico il 12 marzo con Madame Céline o il ballo della malora drammaturgia di Luca Scarlini e Massimo Verdastro dall’opera di Luis Ferdinand Céline. Francesca Benedetti si confronta con la parola incandescente, disperata e straordinariamente moderna di Luis Ferdinand Cèline, dando voce e corpo alla figura di Lucette, amica, compagna, amante appassionata ma anche spietato alter ego del grande scrittore francese.
Ad arricchire la proposta della stagione la sezione la città in scena, esperienze del territorio con la Compagnia Dialettale Urbinate in scena il 5 gennaio con El prét tel lèt, il 28 marzo con L’aquilon e il 16 maggio con Che geni, e da gennaio appuntamenti domenicali pomeridiani di teatro per tutta la famiglia.

Biglietteria e informazioni AMAT (071 2072439), Teatro Sanzio (0722 2281).

Fonte

Enoteca. Swf in concerto. Venerdì 12 settembre 2014

Il mio blog

Alle ore 23.15
Tra 4 giorni · 21°C / 12°C Pioggia

Mostra mappa
Enoteca di Lunano
Via Circonvallazione, 7, 61026 Lunano

Partecipa · Forse · Rifiuta
Invito ricevuto da Andrea Bartoccini EnotecaLunano

SWORDFISH PROJECT live
+
OFFICIAL HAPPY B. ANDREA BARTOCCINI

Venerdì 12 Settembre

ENOTECA DI LUNANO

ingresso libero

free wifi
Post

View original post