Roma. Home Sweet Theatre, rassegna di Teatro in giardino. Dal 9 maggio al 5 luglio 2015. Il programma

Home Sweet Theatre

Home Sweet Theatre

Spettacoli e laboratori teatrali con artisti da tutta Italia + aperitivo offertoogni sabato e domenica dal 9 maggio al 5 luglio 2015.

Spettacoli ore 21:oo

Stage con gli artisti delle compagnie dalle ore 15:00

Via dell’Assunzione 65, Roma (nei pressi della Metro A – Battistini)

INFO E PRENOTAZIONI:  info@speakando.net  / 3336841604

Vai al programma della rassegna

Annunci

Lunano. Il Teatro all’aperitivo. Per L’Amore di Isabella, terremoto all’Enoteca.

La Comedia dell’arte arriva a Lunano. Per L’ Amore di Isabella, tragicommedia in tre atti proposta da Teatro A Martello in co-produzione con La Resistenza della Poesia.

10363937_10205393487422575_736900269354560681_n(1)

Commedia in stile, comica e potente. Maschere in cuoio, spade, missiva e coltello. Amore e amicizia. Sesso? Di certo anche musica e tante risate.
Per L’amore di Isabella rappresenta una novità per l’Enoteca di Lunano, il locale che da nove anni propone musica dal vivo indipendente e di qualità.

Domenica 30 novembre 2014 alle ore 18,30

e ad ingresso libero, i quattro attori di Teatro A Martello propongono l’esilarante “Commedia dell’Arte”: “Per l’Amore di Isabella“.

Lo Spettacolo nasce dalla collaborazione tra “Teatro a Martello” e l’Enoteca di Lunano ed è in co-produzione con “La Resistenza della Poesia”.

L’Enoteca apre ora al teatro, con uno spettacolo adatto anche ad un pubblico molto giovane,

ma accompagnato dai genitori.

L’ingresso è libero.

Presentazione dello spettacolo.

Una co-produzione di Teatro a Martello e La Resistenza della Poesia

In un paese di nome Lunano sono giunti uno spaventoso Capitano ed il suo scugnizzo Pulcinella. I due loschi individui si preparano a creare il caos nella tranquilla e ridente cittadina dove vivono i due sposi Leandro e Isabella. Per l’amore di Isabella i due giovani spadaccini ne combineranno una dietro l’altra e alla fine un amaro risveglio attende la cittadina di Lunano. Una Commedia tragica o una Tragedia comica; tra lazzi e musica gli attori della compagnia Teatro a martello passano dal canto alla scherma, dall’amore all’odio, attraverso una serie di inganni e di trovate. Il tutto con l’energia delle maschere della Commedia dell’Arte.

Canovaccio e testi: Matteo Giunta
Messa in scena: Teatro a martello

Con:
Andrea Milano (Pulcinella)
Francesca Serra (Isabella)
Matteo Giunta (Leandro)
Pepe Mauro (Capitano)

Messa in scena di:
Teatro A Martello

Robe per la commedia:
un pugnale, due anelli identici,
due spade, una missiva importantissima.

Teatro. Al Rossini Michele Placido è Re Lear. Da Venerdì 24 a Domenica 26 ottobre 2014

Venerdì 24 ottobre e fino a domenica 26 il Teatro Rossini di Pesaro ospita con Re Lear il primo appuntamento della Stagione di Prosa promossa dal Comune e dall’AMAT e realizzata con il contributo della Regione Marche e del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo accolta dal pubblico in maniera entusiasta con un incremento di abbonamenti (in totale 1526) di circa il 40% rispetto allo scorso anno. “Un grande risultato – afferma Daniele Vimini Assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro – che migliora il già straordinario incremento della scorsa stagione. Il lavoro di squadra paga, grazie alle professionalità che lavorano alla stagione teatrale. A breve, dopo la prosa e la danza, presenteremo anche una vera e propria stagione musicale, coordinando la comunicazione degli eventi e l’offerta musicale nel suo insieme”.In scena per questa apertura di stagione c’è un grande maestro, Michele Placido che veste i panni di Re Lear di Shakespeare nell’omonimo spettacolo del quale firma anche la regia in collaborazione con Francesco Manetti.

Una novità accompagna questa stagione del Teatro Rossini. Si tratta di Oltre la Scena, un ciclo di appuntamenti in cui le compagnie incontrano il pubblico mettendosi a disposizione per domande e curiosità. Quello con gli attori di Re Lear – capitanati da Michele Placido – avrà luogo sabato 25 ottobre alle ore 18 presso la Sala della Repubblica.

Forse solo Amleto, fra le opere dell’imponente creazione di Shakespeare, è stato quanto Re Lear argomento di una vasta letteratura critica. In comune hanno la grandezza psicologica del personaggio protagonista, che richiede un interprete di grande levatura e continuano a scuoterci nelle pieghe più intime della nostra coscienza.
Abbiamo modo di sperimentarlo ancora una volta ora che Michele Placido ne dà una sua interpretazione al Teatro Persiani. Re Lear esplora la natura stessa dell’esistenza umana: l’amore e il dovere, il potere e la perdita, il bene e il male, racconta della fine di un mondo, il crollo di tutte le certezze di un’epoca, lo sgomento dell’essere umano di fronte all’imperscrutabilità delle leggi dell’universo.

“Il palcoscenico in cui si muovono i nostri personaggi – si legge nelle note di regia – è la distruzione del mondo. La storia di Lear è la storia dell’uomo, la storia di civiltà che si credono eterne ma che fondano il loro potere su resti di altri poteri, in un continuo girotondo di catastrofi e ricostruzioni, di macerie costruite su macerie. Che cosa ha dunque senso in questa tragedia? Quale speranza possiamo trarre? Forse proprio la conoscenza, quella consapevolezza di che cosa sia l’uomo di fronte all’universo, raggiunta attraverso un percorso di spoliazione in cui l’amore e la solidarietà si mostrano nella loro essenza terribilmente umana. Per dirla con Pascal: “l’uomo è solo una canna, la più fragile della natura; ma una canna che pensa. Non occorre che l’universo intero si armi per annientarlo: un vapore, una goccia d’acqua bastano a ucciderlo. Ma quand’anche l’universo intero lo schiacciasse, l’uomo sarebbe sempre più nobile di quel che lo uccide, perché sa di morire, e conosce la superiorità che l’universo ha su di lui; mentre l’universo non ne sa nulla.” Forse solo a questo, ad aiutare la creazione di questa consapevolezza, mira tutto l’opera di Shakespeare, a patto però che gli spettatori non dimentichino mai di trovarsi a teatro, che non cadano nell’illusione di un altro mondo, che sempre vedano il muro dietro la scena di cartone.”

Le scene – dello spettacolo prodotto da Ghione Produzioni e Goldenart Production in collaborazione con Estate Teatrale Veronese – sono di Carmelo Giammello, i costumi di Daniele Gelsi e il disegno luci di Giuseppe Filipponio. Una nutrita compagnia di attori affianca Placido nell’interpretazione: Gigi Angelillo, Francesco Bonomo, Federica Vincenti, Francesco Biscione, Giulio Forges Davanzati, Peppe Bisogno, Brenno Placido, Alessandro Parise, Marta Nuti, Maria Chiara Augenti, Mauro Racanati, Bernardo Bruno, Gerardo D’Angelo.

Per informazioni: biglietteria del Teatro Rossini 0721 387621, Teatro Rossini 0721 387620, http://www.pesarocultura.it, teatri@comune.pesaro.pu.it, http://www.amatmarche.net.
Inizio spettacolo: venerdì e sabato ore 21, domenica ore 17.